TEANO
 
Tradizioni
 
Canti popolari
 
Canti popolari di Terra di Lavoro: Quanno 'a femmena è incinta
 

Introduzione
Nel marzo 2007 curai la pubblicazione dei “Ricordi della mia vita” di Arcangelo Palumbo; in appendice a quei “Ricordi”, elencavo anche 17 canti popolari che il Palumbo aveva raccolti e trascritti in un quaderno. “Zì” Arcangelo è morto nel dicembre del 2009 alla veneranda età di 94 anni.
Scartabellando nella mia biblioteca, ho rinvenuto quei frammenti di canti che accompagno con traduzione in lingua italiana e un commento; purtroppo manca il testo musicale. Vi presento ora “Quanno 'a fémmena è incinta”Commento
È il marito della donna incinta che parla.
Egli sembra non sopportare tutte le scuse che lei mette in campo, approfittando del suo stato di gravidanza; così non ha voglia di ramazzare la casa con la scopa; se ne sta sempre a letto, e prova continuamente fastidio per qualunque cosa capiti in casa; e il marito si deve rassegnare a tollerare ogni cosa che le passa per la testa. Di notte, quando lei sente il bambino muoversi in grembo, sveglia il marito che sta dormendo; insomma, sono guai per il futuro papà! Che deve soddisfare tutte le voglie di lei: soprattutto di dolci. In compenso, quando il bambino è nato e sta crescendo, mentre lo accudisci, ti può fare la pipì addosso!
Questo canto sembra rappresentarci la situazione della donna incinta nel periodo di transizione dalla civiltà contadina a quella della prima industrializzazione che portò con sé un certo benessere economico.
Un tempo non c'erano tutte queste attenzioni per la donna gravida che, pur con la pancia gonfia, continuava a recarsi in campagna a lavorare fin quasi al compimento del nono mese. Anche se è pur vero che certe sue voglie venivano soddisfatte perché si credeva che certe macchie anomale sul corpo del neonato derivassero proprio da voglie non soddisfatte della puerpera. Perciò si consigliava alle donne gravide di toccare con le mani, quando si affacciavano certi desideri, le parti del corpo che generalmente sono ricoperte dai panni che s'indossano; mai toccare parti del viso!
Simpatica l'annotazione finale della ricompensa che il papà riceve per i nove mesi di sopportazione, quando viene bagnato dalla pipì del neonato.

Antonio Martone
(da Il Sidicino - Anno X 2013 - n. 3 Marzo)

Testo dialettale

Quanno 'a fémmena è incinta
1
Quanno 'a fémmena è incinta 'e pochi misi
cu chesta scusa nun t'a scopa 'a casa;
sta sempe disturbata e 'ntussecosa;
cu chesta scemità ce trova 'a scusa.
2
Muglièrema, ch'è 'a primma sfaticata,
pecché è incinta sta sempe curcata;
ce vuleva nu fatto 'e chistu ccà
e 'a capa cierti vvote ê tullerà.
3
a mesanotte me sceta 'nt'o lietto:
“Pascà, io già m'o sento 'e freccechià”
passati cinche misi, oj mamma mia,
te truovi 'nd'a nu sacco e mies'e guaje.
4
A centenare 'i vèveno 'e gulìe
e, si 'nc'e faje passà, quella t'accire;
muglièrema ch'è 'a primma guliosa,
ogni tantillo cerca cacche ccosa.
5
“Voglio na zéppula, vall'a piglià!
voglio nu cannuolo: vall'a piglià”.
A mesanotte me sceta 'nt'o lietto:
“voglio na sfogliatella e nu babà!”
6
E quanno 'o criaturo sta rint'e fasce,
chillo po' a juorno a juorno sempre cresce;
quanno po' 'o criaturo è crisciuto già,
na pisciatella nzino te pô fa.

Traduzione

QUANDO LA DONNA È INCINTA
1.
Quando la donna è incinta di pochi mesi,
con questa scusa, non te la scopa la casa;
sta sempre (dis)turbata e intossicata (1);
con questa sciocchezza ci trova la scusa.
2.
Mia moglie, che è la prima sfaticata,
poiché è incinta, sta sempre coricata;
ci voleva un fatto di questi tipo
e la testa, certe volte, hai da tollerare.
3.
A mezzanotte mi sveglia dentro al letto:
“Pasquale, io già me lo (2) sento che si muove”;
passati cinque mesi, oh mamma mia,
ti trovi in un sacco (3) e in mezzo ai guai.
4.
A centinaia le vengono i desideri
e, se non ce li fai passare (4), quella ti uccide!
Mia moglie, che è la prima vogliosa,
ogni tanto chiede qualche cosa.
5.
“Voglio una zeppola, va a prenderla!
voglio un cannolo: va a prenderlo”.
A mezzanotte mi sveglia dentro il letto:
“Voglio una sfogliatella e un babà”.
6.
E quando il bambino sta dentro le fasce,
quello poi di giorno in giorno cresce;
quando poi il bambino è cresciuto già,
una “pisciatella” (5) in grembo ti può fare.

 

NOTE
1 - Fastidiosa, quasi l'avessero avvelenata.
2 - Il bambino in grembo.
3 - Come chiuso in un sacco.
4 - E se non glieli soddisfi.
5 - Ti può urinare addosso.

 

Sintesi:
1. La gravidanza: pretesto per non far niente;
2. Il marito deve tollerare la moglie gravida;
3. A cinque mesi di gravidanza, il marito si trova nei guai;
4. Il marito deve soddisfare tutte le voglie di lei;
5. Voglie soprattutto di dolci: zeppola, cannolo, sfogliatella e babà;
6. Quando poi il bambino nasce e cresce, ti può urinare addosso.

Note metriche:
6 quartine di endecasillabi (spesso tronchi); con rime e assonanze varie; nella prima strofa: misi, casa, -cosa, scusa; nella seconda: due rime baciate; nella terza né rime né assonanze; nella quarta: guliosa/cosa; nella penultima: tranne il terzo verso, gli altri sono tronchi: piglià (ripetuto) e babà; nell'ultima: forte assonanza tra fasce e cresce, rima baciata già/fa.